Change Game: una nuova storia “Game to Human” sfida i giocatori a salvare il mondo dai cambiamenti del clima

Il gioco consente, per la prima volta, di utilizzare dati reali per rimediare agli errori dell’uomo e capire cosa fare per salvare il pianeta. È necessario collaborare con gli altri giocatori perché nessuno può risolvere il problema da solo

8 febbraio 2021 – I cambiamenti climatici sono ormai sotto gli occhi di tutti noi, si susseguono i report del WWF sull’estinzione di specie animali, non si arresta lo scioglimento dei ghiacciai e divampano senza sosta incendi negli USA oppure in Australia. Eppure, sembra quasi che manchi ancora una consapevolezza dell’importanza che ognuno di noi faccia la propria parte per il benessere del nostro pianeta. Per sensibilizzare gli appassionati di videogiochi di ogni età nei mesi scorsi ha visto la luce una nuova storia, quella di Change Game, da oggi disponibile all’interno della sezione Game to Human.

L’associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia annuncia oggi l’arrivo sul suo sito web di Change Game, videogioco gestionale che punta dritto al tema del cambiamento climatico e nasce proprio per sensibilizzare il pubblico verso l’attenzione all’ambiente, realizzato dal Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) - il centro italiano di ricerca internazionale e multidisciplinare sulle interazioni tra il clima, i sistemi socio-economici e gli ecosistemi naturali - con il finanziamento di Climate KIC EIT e sviluppato da Melazeta S.r.l., società specializzata nella realizzazione di giochi educativi.

Con Change Game diamo la possibilità di scoprire giocando, anche a chi magari non ha mai sentito parlare di cambiamento climatico o di riduzione delle emissioni, le tante sfaccettature di questo problema: bisogna gestire la produzione e i consumi di energia, acqua, cibo e affrontare disastri naturali. E non solo, occorre trovare nuove soluzioni e sfruttare le tecnologie del futuro, mettere in atto azioni che promuovano determinati comportamenti sociali degli abitanti che vivono e interagiscono con le città vicine e affrontare scenari che oggi vediamo nella vita reale”, spiega Eleonora Cogo, Senior Scientific Manager presso il Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici.

Il videogioco, già disponibile su Google Play e App Store, consente di giocare con il pianeta Terra affrontando la complessità dei cambiamenti climatici, per la prima volta in un prodotto di questo tipo attraverso dati reali e informazioni scientificamente fondate. Attraverso Change Game, proprio come fanno gli scienziati,  si configura una realtà simulata che tiene conto di come il clima interagisce realmente con la società e con gli ecosistemi naturali.

Change Game non è solo un videogioco capace di raccontare la complessità dei cambiamenti del sistema climatico e le conseguenti interazioni con la società e gli ecosistemi naturali. È anche stato progettato per aiutare a incoraggiare un dibattito tra i giovani giocatori in merito alle innovazioni di sistema necessarie e possibili per creare società resilienti e a zero emissioni”, aggiunge Lara Oliveti, Co-founder, Partner e CEO di Melazeta.

Game to Human è la piattaforma che l’Associazione ha deciso di realizzare per promuovere una maggiore conoscenza dei videogiochi e del loro impatto positivo sulla vita dei videogiocatori, delle loro famiglie e più in generale nella società moderna, che presenta storie accomunate dal loro essere in grado di trasmettere l’importanza e la rilevanza sociale e culturale di un mondo in costante evoluzione come quello dei videogiochi.

Scopri di più sulle storie Game to Human

Change Game: una nuova storia “Game to Human” sfida i giocatori a salvare il mondo dai cambiamenti del clima

Change Game non è solo un videogioco capace di raccontare la complessità dei cambiamenti del sistema climatico e le conseguenti interazioni con la società e gli ecosistemi naturali. È anche stato progettato per aiutare a incoraggiare un dibattito tra i giovani giocatori in merito alle innovazioni di sistema necessarie e possibili per creare società resilienti e a zero emissioni.